Il Carcere

Nella casa di reclusione Due Palazzi di Padova ci siamo entrati per caso, all’inizio degli anni Novanta, per un appalto sulla manutenzione del verde che non si sbloccava mai. Lì abbiamo capito che la prospettiva andava rovesciata. I destinatari dovevano diventare protagonisti. Così è nato un corso di formazione in cui i detenuti imparavano a curare da sé le aree verdi del carcere.

 

Vent’anni dopo le cifre sono diverse, ma l’intuizione è la stessa, confermata da centinaia di casi che stupiscono noi per primi. Le persone detenute - e con loro tutti i soggetti presenti nel carcere - possono diventare protagoniste della loro vicenda professionale e umana. E la chiave di volta è il lavoro.

 

Ti invito a visitare con me le principali lavorazioni della Casa di reclusione Due Palazzi di Padova

 

Alessandro Krivicic
coordinatore delle lavorazioni in carcere della Cooperativa sociale Giotto